Il Piano terra del Museo accoglie la "Sala dei Fondatori", la "Sala degli Intarsi Storici sorrentini" e una interessante sezione con reperti romani e medievali.

La prima sala è dedicata ai Fondatori del Museo, Alfredo Correale - Conte di Terranova - e Pompeo, suo fratello. Qui sono esposti, omaggio doveroso alla loro memoria e al loro mecenatismo, i loro ritratti ritratti, con l'“Albero Genealogico”, che illustra la storia della Famiglia. Correale.

Segue la sala  che ospita la collezione di tarsie sorrentine del sec. XIX, e tre sale con reperti archeologici provenienti dal centro storico di Sorrento e da altre zone della penisola sorrentina. 

Nell’ultima sala del piano terra trovano posto plutei, frammenti di ambone e pilastrini provenienti, presumibilmente, dall’antica Cattedrale sorrentina e databili all'anno Mille d.C.

I Fondatori

Alfredo e Pompeo Correale, Conti di Terranova, ultimi discendenti di un’antica famiglia sorrentina. Nei loro testamenti essi disposero che le loro collezioni d’arte, ordinate nella villa Correale, costituissero un Museo intitolato a loro nome. le collezioni sono ordinate su tre piani, per un totale di ventiquattro sale più il sottotetto recuperato come spazio espositivo.

Sala degli  Storici Sorrentini - XIX sec.

La seconda sal del piano terra espone una raccolta di Intarsi Storici sorrentini,  di Antonino Damora, Luigi e Giuseppe Gargiulo e Michele Grandville. L'intera collezione è stata donata al Museo Correale - nel 1937 - dal sorrentino Silvio Salvatore Gargiulo ("Saltovar"). L'interessante raccolta di mobilio, di scatole e scrigni  testimonia la grande abilità degli intarsiatori sorrentini tra il XIX sec. e il primo ventennio del XX sec. Da notare il prezioso tavolo da lavoro, realizzato nel 1910 da Giuseppe Gargiulo con la tecnica del mosaico;  moltepolici le funzionalità a cui assolveva: scrittoio con leggio, toletta, tavolo porta lavoro e tavolo da gioco.

Reperti Archeologici e medievali